Come ti dicevo in un mio precedente articolo, “Il blog come strumento di marketing: 5 buoni motivi per averlo” (se non l’hai ancora fatto ti invito a leggerlo, prima di proseguire), il blog è tutt’oggi un mezzo molto valido per farsi conoscere e attirare un pubblico in linea con il tuo target. Si tratta però anche di uno strumento un po’ particolare, non sempre facile da maneggiare e che ha bisogno di una buona strategia per poter dare buoni frutti.
No, non basta mettersi lì quando ci gira e scrivere quattro righe così, come ci vengono. Così facendo non si otterrà nulla di buono e, invece dei commenti di lettori affezionati, si finirà per vedere solamente palle di fieno che rotolano silenziose.
Ma come fare, allora, perché il nostro blog ci aiuti a crescere nel grande mare del web? Ho selezionato per te dieci regole che ti possono essere molto utili per avere un blog che funziona: vediamole nel dettaglio!

 

1. pianificazione

Regola numero uno, nonché la più importante: pianifica. Utilizzare il blog alla cieca, senza nessun metodo, non ti porterà da nessuna parte. Questo vale per qualsiasi strumento di marketing.
Preparare un piano editoriale ti consente di fare chiarezza sui tuoi obiettivi, di costruire una strategia da seguire. Creare un calendario editoriale ti aiuta a rispettare quella strategia, ad avere una linea guida sicura. Non potrai uscire dai binari, a meno che non sia tu a deciderlo per un motivo ben preciso.

 

2. qualità

Creare contenuti di qualità è un’altra regola fondamentale per un blog che funziona, dalla quale non si può scappare. Sul come scrivere sul blog ho realizzato un intero articolo, “Come scrivere un blog: consigli per creare post efficaci”, che ti invito a leggere per approfondire meglio questo punto. Affronta argomenti che possono essere di interesse per i tuoi lettori e fallo bene. Sii chiaro, dettagliato, completo e il pubblico arriverà.

 

3. ottimizzazione

Strutturare il blog e gli articoli in ottica SEO è una tecnica necessaria, senza la quale le speranze di essere posizionato dai motori di ricerca per l’argomento che hai scelto si riducono drasticamente. Per quanto sia difficile ottenere un buon risultato (la famosa prima posizione a volte è un’utopia), è sempre meglio sforzarsi di scrivere post che rispondano a determinate caratteristiche. Solo così puoi aumentare la possibilità che il tuo articolo venga trovato da un nuovo potenziale lettore.

 

4. pazienza

C’è poco da fare: per vedere risultati c’è bisogno di tempo e pazienza. Il blog è uno strumento forte, ma non immediato. Spesso ci vogliono mesi prima di ricevere le prime soddisfazioni da un punto di vista SEO, perché l’algoritmo di Google ha i suoi tempi. Ma fidati di lui: se hai lavorato bene, rispettando tutte le altre regole, verrai ricompensato. Quindi non mollare e sii paziente.

 

5. costanza

Altra bellissima regola, che va a braccetto con la pazienza, è: avere costanza. Persevera, non lamentarti o piangerti addosso se i risultati tardano ad arrivare o sono inferiori rispetto alle tue aspettative. Avrai veramente fallito solo nel momento in cui mollerai. Confluisci le tue energie nella realizzazione dei prossimi articoli, nelle ricerche necessarie per produrli, nella pubblicizzazione dei post nei social. Metticela tutta e sii tenace!

 

6. continuità

Questo è uno scoglio difficile per molti blogger: la continuità. Avere una scadenza fissa è molto utile per te, perché ti permette di organizzarti meglio, ma anche per i tuoi lettori, che impareranno a riconoscerla! Se ad esempio decidi che pubblicherai un articolo ogni giovedì mattina, i lettori più affezionati, con il tempo, verranno automaticamente a cercare il tuo nuovo articolo ogni giovedì.
Il problema della continuità, però, non è tanto scegliere la propria scadenza, bensì rispettarla! Ci sono moltissimi blog nel web che sono stati diligentemente aggiornati ogni tot giorni e poi, all’improvviso, il tempo di attesa tra un post e l’altro si è dilungato di settimane, mesi o addirittura un anno! Credimi, questo è il metodo migliore per perdere pubblico!
L’ideale sarebbe pubblicare almeno un articolo a settimana, alla meno peggio ogni due. Decidi il tuo ritmo di pubblicazione, in base ai tuoi tempi e alle tue possibilità, e poi, mi raccomando, rispettalo!

 

7. interazione

Alcuni blogger di oggi non permettono i commenti sotto i propri articoli perché sostengono che, ormai, l’interazione con gli utenti sia diventata un’esclusiva dei social media. Personalmente sono contraria a questa scelta. Trovo che un bel form commenti, posizionato alla fine del post, trasmetta un piacevole senso di apertura nei confronti del lettore e lo inviti a cercare un dialogo. Certo, la possibilità di creare confronti è nettamente inferiore rispetto ad un post sui social, ma sono convinta che debba comunque esserci l’opportunità di farlo anche sul blog.
Ultimo, ma non certo meno importante: rispondi sempre ai commenti. Sì, anche a quelli meno piacevoli. L’apertura al dialogo ti rende decisamente più simpatico agli occhi degli utenti, che saranno più propensi a tornare sul tuo blog.

 

8. social media

Utilizza il potenziale dei social media per far confluire il pubblico nel tuo blog. Condividi i tuoi post e, magari, dai pure la possibilità al lettore stesso di condividerli, tramite l’inserimento degli appositi bottoni all’inizio e alla fine di ogni articolo. Queste piattaforme sono di grande aiuto per diffondere i tuoi post in tempi brevi, farti conoscere e raccogliere, così, più pubblico.

 

9. guest blogging

Il guest blogging consiste nello scrivere un articolo che verrà pubblicato in un altro blog o, viceversa, pubblicare un post scritto da un altro blogger. Si tratta di una pratica diffusa che può portare molto beneficio ad entrambe le parti. Non solo, infatti, ti permette di farti conoscere da un pubblico più ampio e ottenere più visite, ma fa bene al tuo posizionamento sui motori di ricerca!

 

10. monitoraggio

Ultima regola importante: implementa Google Analytics e tieni monitorate le statistiche. Google Analytics è uno strumento potente, che ti permette di capire molto sugli utenti che ti seguono e sui loro gusti. Tramite la consultazione delle sue statistiche potrai vedere quali sono gli articoli più letti e quali, invece, quelli che hanno meno visite. Potrai così definire sempre meglio la tua strategia e puntare sugli argomenti che sai essere più seguiti!

 

In realtà esiste un’undicesima regola bonus che voglio condividere con te: la strategia per eccellenza non esiste. Quelle che ti ho lasciato sono linee guida, la maggior parte delle quali indispensabili, che sicuramente ti aiuteranno nella creazione di un blog che funziona, ma saranno la base di partenza della tua strategia. Applica queste regole e osserva ciò che accade, aggiusta mano a mano il tiro, e vedrai che a lungo andare creerai il tuo metodo di lavoro, la tecnica giusta per te.

Ora la palla passa a te: conoscevi già queste piccole regole? Quali segui già e quali invece mancano nella tua strategia? Parliamone nei commenti qui sotto!
Se invece non hai ancora un blog ma stai pensando di aprirne uno, spulcia il mio servizio My Little Blog: posso aiutarti a realizzarlo! 😉